momenti-foto-matrimonio
Magic moment
9 Aprile 2020

Per fare un tavolo? Ci vuole pazienza

tavolo_matrimonio_cerimonia_in_stile

Tra le cose più delicate da fare per col matrimonio c’è senza dubbio quella di disporre gli ospiti in modo accorto ed adeguato ai proprio tavoli.

Per quanto riguarda i tavoli vi siete già chiesti di quale forma sceglierli? Come disporli nella location? E come assegnare i posti agli invitati?

La cosa ideale è non arrivare all’ultimo minuto con questa operazione così da minimizzare gli imprevisti, che possono essere sempre dietro l’angolo.

Facciamo un piccolo passo verso la disposizione degli ospiti cominciando dalla cosa fondamentale, la forma del tavolo. Scelta non del tutto banale visto che sarà in accordo col modo delle nozze, devono essere conformi al tema e agli allestimenti.

Sono principalmente cinque i tipi di tavolo fra cui puoi optare:

rotondi: possono ospitare da quattro a dieci commensali, consigliata per spazi ampi, ed è estremamente conviviale.

ovali, sono simili ai tavoli rotondi ma poco utilizzati, a meno non si disponga di una location molto grande allinterno della quale disporli.

Quadrati; rettangolari; imperiali:tavoli matrimonio quadrati e rettangolari favoriscono sicuramente lincontro tra i commensali ma, qualora ti piacesse lidea di utilizzarli per il tuo banchetto, guarda bene alle dimensioni dello spazio in cui andranno inseriti. Di maggior tendenza negli ultimi anni, ma lo saranno anche per il 2020, sono i tavoli imperiali.

La loro forma allungata, che si adatta anche alla disposizione a T” o a ferro di cavallo, può ospitare un gran numero di compensali, tra i 30 e i 50. È solitamente impiegato in ricevimenti maestosi ma ha una pecca: alcuni ospiti potrebbero essere esclusi dalla conversazione e dai festeggiamenti.

Dovete tenere conto del numero di commensali prima di scegliere la forma del tavolo, e considerare quanti ce ne possono stare in un tavolo.

Tra le novità proposte dai wedding planner, c’è la possibilità di utilizzare vari tipi di tavoli matrimonio mescolati tra di loro. Una soluzione che può venire incontro alle esigenze di tutti gli sposi e che crea movimento nellallestimento.

La prima cosa da fare per la sistemazione dei tavoli è munirsi di una lista completa degli invitati, vi sarà utile un planning, evidenziatori e post-it. Questo metodo ti servirà per associare ad ogni gruppo di commensali un colore che lo identifichi e trasformare in un gioco questa fase così complessa.

Potrete disporre gli invitati per gruppi: gli amici, quello dei familiari della sposa e dello sposo, la cerchia dei testimoni, i cuginetti più piccoli, i colleghi di lavoro e quelli di università. Associa ad ognuno di loro un colore specifico che, nel corso dei vari tentativi dello schema da completare, possa agevolarti in eventuali spostamenti.

Non solo cartaceo ma anche le app, ce ne sono diverse che vengono in soccorso alla sposa.

Può accadere infatti un imprevisto dellultimo minuto che ti costringa ad apportare modifiche alla mappa dei tavoli o, nei peggiori dei casi, a rivoluzionarla.

Non dimenticare, inoltre, che i commensali andranno sistemati in base al rapporto che intrattengono con gli sposi. Che si tratti di tavoli imperiali o rotondi, i familiari, i testimoni e gli amici più intimi siederanno chiaramente più vicini alla coppia.

E voi dove vi sedete?

Una delle scelte più tradizionali è quella di sedere ad un tavolo rotondo, destinato soltanto sposi. Da qui possono osservare tutto il ricevimento da una posizione privilegiata. A destra e sinistra rispettivamente andranno i genitori con i parenti più stretti (i nonni o, perché no, gli zii più vicini alla coppia).

In alternativa, si può pensare a un tavolo donore a cui, per convenzione, si accomodano gli sposi con i propri genitori e può essere di forma ovale o rettangolare. Recentemente però si preferisce, per mantenere unatmosfera di rilassatezza e convivialità, far sedere accanto agli sposi testimoni e damigelle.

Ricordate di mantenere una corretta distanza tra i tavoli, chiedete quindi una piantina della sala ricevimenti, della terrazza o del giardino dove avrà luogo il banchetto di nozze e create una mappa simmetrica dei tavoli.

Nellorganizzazione dei tavoli è fondamentale che riflettano e si inseriscano nel mood dellintero ricevimento. Che il tema matrimonio sia il mare, la musica, il cinema, la letteratura, il viaggio anche ogni tavola a cui siederanno i commensali dovrà riportare un dettaglio che lo indichi.

Una targhetta o dei segnaposto originali possono per esempio fare al caso tuo. Come nel caso delle bomboniere matrimonio fai da te, sono dei dettagli che si possono realizzare a mano scatenando la fantasia.

Una regola che vale soprattutto se hai pensato allallestimento del tableau de mariage dal quale tutti gli ospiti potranno individuare immediatamente, e come in un gioco, il proprio posto senza girovagare senza meta nella sala, creando confusione e smarrimento.